Questa è Sparta! Lavorare in cucina non è un mestiere per deboli.

Cucina e star. Pensieri liberi sul mondo dei fornelli

Siamo travolti da trasmissioni culinarie popolate da cuochi venerati come Dei,

Chef Star, improbabili soubrette su tacchi 16, poppe strizzate e unghie ( ogni

riferimento alla Parodi è superfluo) e aspiranti cuochi masochisti che danno

l’immagine della professione culinaria fatta di performance ed esibizioni,

creatività e competizione, dove le ricette per magia o per fortuna riescono quasi

sempre.

Non è così, come tutto quello che viene spettacolarizzato attraverso il filtro

telecatodico diventa altro dalla realtà

Mi dispiace deludere quell’80% degli iscritti alle scuole alberghiere che oggi

scelgono l’indirizzo cucina obnubilati dall’ingenuo obiettivo di veloci successi

stellati e denaro a fiumi, trascurando altre dignitose professionalità.

Il lavoro tra i fornelli è difficile, stressante , spesso in spazi angusti, umidi e caldi,

in piedi, per molte piu ore di qualsiasi altra attività, ma sopratutto non è un

lavoro per tutti.

Passeranno molti anni prima di avere una responsabilità o uno spazio dove

poter dire la tua, subendo i lavori più umili, i compiti più pesanti ed i

rimproveri più denigranti, lavorando tutte le sere senza sabati e domeniche, natale o

Pasqua.

Questa è la triste e crudele realtà
e speriamo non facciano mai un reality sulla pizza. Grazie ma non ce n'è bisogno...

Scritto da

RICCARDO BROCH
Fondatore della Scuola Pizzaioli Margherita 2000
Laureato nel 2000 all’ISIA di Firenze con la prima tesi sulla Pizza

Scrivi commento

Commenti: 0